News

Festival di Cannes 2024: i look che più abbiamo amato

Una delle top degli anni '80 e 'Novanta'90, ancora oggi splendida: Helena Christensen. Arriva sul red carpet della 77esima edizione del Festival di Cannes con un abito total white di Vivienne Westwood. Eterea, quasi angelica.

Ha un fascino retrò quest’abito black&white firmato Balmain e portato da Taylor Hill al Festival di Cannes 2024: lo scollo è profondo, le spalle sono scoperte, lo spacco è audace. Per noi è sì!

Heidi Klum punta sul rosso profondo e sui volumi (ma anche sul décolleté); questa creazione di Saiid Kobeisy è senza dubbio tra i look di maggiore impatto. Di lei cosa dire? Una sorta di dea che il tempo non scalfisce in alcun modo.

Paola Turani, raffinata come sempre, "osa senza osare". Nel senso che le trasparenze sono un trend ormai consolidato, il nero nemmeno si discute. L’abito, che ci piace, è di Raul Mishra.

Eva Green si è lasciata ammaliare ancora una volta dallo stile gotico chic e ha puntato su quest’abito by Giorgio Armani Privé, con il corpetto di paillettes e la gonna vaporosa. La sue pelle candida e l’hair styling hanno fatto il resto.

Léa Seydoux in Louis Vuitton va sul sicuro con un long dress a sirena tempestato di paillettes argento. La silver mania tiene ancora banco, come la passione per tutto ciò che luccica. Inattaccabile.

Nel ruolo di presidentessa di giuria, Greta Gerwig sa di avere gli occhi addosso. E per l’esordio mette a segno un colpo vincente, con questa creazione ultra sparkling by Saint Laurent.

Decisamente consapevole della sua bellezza, Shanina Shaik appare sul red carpet con un abito fiammante di Zuhair Murad, piuttosto classico: scollo a cuore, linea sinuosa, sopragonna ton sur ton.  

Tra i look più belli del Festival di Cannes 2024, mettiamo anche questo sfoggiato da Sasha Luss e firmato Alaïa. Perché è originale, sperimentale, intrigante. Non trovi anche tu?  

Giochi di vedo-non-vedo concepiti con sapienza tramite il cut out, l’argento che si fa materico, le linee che avvolgono il corpo perfettamente: l’abito Ali Karoui Couture indossato da Iris Mittenaere ci piace molto! 

La regina del secondo red carpet, quello di Furiosa: A Mad Max Saga, è lei: Naomi Campbell. Che indossa un abito nero Chanel d’archivio (1997), fatto di trasparenze, aderenze, paillettes e perle. La chioma leonina completa l’opera.

Anya Taylor-Joy, protagonista di Furiosa - A Mad Max Saga, per la Croisette sceglie un abito Dior classico e raffinatissimo. Abbinandolo a un collier di diamanti Tiffany. Sembra una diva d’altri tempi: meravigliosa.

Presenta al Festival di Cannes 2024 anche Araya A. Hargate, che sotto la pioggia di flash sfoggia un long dress vintage firmato Armani Privé: un mirabile gioco di drappeggi orizzontali e verticali.

Promosso a pieni voti l’abito degradé black&white tempestato di cristalli scelto da Sabrina Dhowre Elba; è firmato Fendi Couture e valorizza al massimo le sinuose curve del suo corpo.
 

Ed ecco Iris Mittenaere, che decide di alzare il tiro. L’outfit è di Stephane Rolland: un black dress di gran classe con maxi spacco, reso unico da una maxi decorazione in metallo gold ispirata a un rovo di spine. Eyecatching e drammatica.

Come altre star presenti a Cannes 2024, anche Putri Marino scommette tutto sul rosso e sulla sua potenza. Il suo abito, classico ma non troppo, è di Stellarissa. E le dona parecchio.

La presidente di giuria Greta Gerwig non sta sbagliando un colpo. Percorre il secondo red carpet con un long dress fiammante di Giorgio Armani Privé, dotato di profondo scollo a cuore e spalline gioiello.

Eva Green è una delle componenti della giuria e continua a giocare con l’immagine di dark lady. Il nero è illuminato da applicazioni argento, inserti di rete completano l’abito di Balmain. Intrigante!

Il terzo red carpet di Cannes 2024 è quello dell’ambizioso film Megalopolis di Francis Ford Coppola. Una delle interpreti, Grace VanderWaal, appare con il velo e un abito in tulle nude e oro. Una creazione vintage di Cinema by Lanos Zinas.

Un’altra componente del cast di Megalopolis, Aubrey Plaza, stupisce piacevolmente con questo long dress di Loewe, che ha qualcosa di sperimentale. Proprio per questo, lo apprezziamo a prescindere.

Chloe Fineman è deliziosa, impeccabile quanto inattaccabile: per lei, un abito fiammante di Celine tempestato di paillettes e con un delicato cut out in corrispondenza del décolleté.

Pizzi e merletti by Chanel Haute Couture per Nathalie Emmanuel. Un abito semplice, classico, ma a dir poco chic. E le sta divinamente, non trovi anche tu?

Tra i look più belli di Cannes 2024, noi mettiamo quello di Yseult. Che si è affidata a Christian Dior e all’intramontabile fascino dello stile retrò. Bon ton. Quanto ci piace.

Talmente complesso, l’abito di Falgui Shane Peacock scelto dall’attrice indiana Aishwarya Rai, che quasi vien difficile anche solo descriverlo. Ha diviso nettamente gli animi, ma era inevitabile. Una cosa è certa: luccica!

L’influencer Caroline Daur dimostra ancora una volta di essere una fashionista doc. Eccola a Cannes 2024 con un vaporoso long dress firmato Yara Shoemaker. Gran classe, impossibile negarlo.

L’outfit Atelier Emé sfoggiato da Luma Grothe non soltanto è elegantissimo, ma diventa una sorte di voce fuori dal coro: pantaloni palazzo over, reggiseno gioiello, blazer smanicato extra long. Very good.

Cannes 2024, quarto red carpet: quello del film Kinds of Kindness, regista Yorgos Lanthimos. La protagonista Emma Stone arriva sulla Croisette con un abito Louis Vuitton ricoperto di perline color prugna. La scollatura è profondissima. Touché!

Uma Thurman porta sul red carpet del Festival di Cannes 2024 un trench. Candido come l’abito. Una scelta insolita che merita un plauso incondizionato. L’outfit è di Burberry.

Protagonista della pellicola Substance, Demi Moore è incantevole con quest’abito rosso appartenente all’ultima collezione Armani Privé, tempestato di paillettes e con decorazioni floreali fatte di perline. Bello anche lo scollo.

Kirsten Dunst sceglie la semplicità, quella che fa rima con classe e vince sempre: per lei, un long dress in chiffon nero con scollo a V. Una creazione by Gucci.

Bebe Vio è una guerriera. E per il Festival di Cannes 2024 ha scelto una mise ad hoc: un abito gioiello creato da Maria Grazia Chiuri per Dior. Argento, come suggeriscono le tendenze moda.

Ci piace moltissimo il total white scelto da Sophie Wilde e firmato Loewe: top cropped e gonna asimmetrica. Protagoniste assolute, le maxi frange.

Kimberley Garner si affida a Elio Abou Fayssal e indossa uno slip dress nude con applicazioni gioiello. Ma ciò che catalizza l’attenzione è la maestosa stola in tulle. Una mise con effetti speciali, insomma.

Essenziale ma non troppo l’abito di N°21 sfoggiato da Giulia Salemi: nero, ricoperto di paillettes ton sur ton e dotato di spalline sottili che si incrociano dietro. Che ne te pare?

Hunter Schafer è bellissima, ma quest’abito vintage di Armani Privé è un’opera d’arte. E lo diciamo riferendoci non solo al design scultoreo, ma anche a questi riflessi che lo fanno sembrare quasi liquido.

Festival di Cannes 2024, look del quinto giorno: va in scena il red carpet del musical Emilia Pérez. Selena Gomez, tra gli interpreti principali, va sul classico con un abito black&white di Saint Laurent. Avrebbe potuto osare un po’, ma è comunque deliziosa.

Anche Zoe Saldana, protagonista di Emilia Pérez, sceglie Saint Laurent. Un abito a sua volta classico, ma con interessanti twist che mescolano un po’ le carte in tavola e aggiungono quote di originalità.

Vaporoso, quasi plastico e chiaramente ispirato al Pierrot è l’abito portato da Rooney Mara sul quinto red carpet di Cannes 2024. Affascinante, soprattutto per i giochi di volumi.

Una maxi t-shirt di paillettes argento in combo con una gonna trasparente di tulle: l’outfit di Renate Reinsve porta la firma di Louis Vuitton e non può che suscitare pareri opposti. Ma è comunque molto originale.

La regina del quinto giorno del Festival di Cannes 2024 è lei: Cate Blanchett. Che punta su un golden dress di Louis Vuitton. Dopo tutto, la divina Cate non deve prendere lezioni di stile da nessuno.

Sposa il trend della moda sparkling e metallizzata anche Carla Bruni, a sua volta sempre raffinata. E tremendamente sicura di sé, cosa che la rende ancora più affascinante. L’abito è di Celine.

Alexa Chung decide di calarsi nei panni di una dark lady e punta su Jean Paul Gaultier. L’abito ripropone una delle cifre stilistiche tipiche del brand: il bustier con reggiseno dotato di coppe a cono. Che in questo caso diventano… corna.

L’abito di Mugler indossato da Natasha Poly è una studiata esasperazione del trend nude, lascia davvero poco - nulla, praticamente - all’immaginazione e di sicuro è magnetico. Piace molto oppure affatto.

15-05-2024