Trend & Shopping

Tutto pronto per la Milano Fashion Week: cosa ci attende tra nuovi brand e grandi ritorni

Modella in passerella
08-02-2022
Agata Maini
Fuori il calendario della Milano Fashion Week Women’s Collection: ecco l'elenco provvisorio degli eventi per non perdersi gli appuntamenti con la moda che ci fa sognare

La Milano Fashion Week si prepara a farci sognare anche quest’anno con una serie di sfilate dedicate alla moda femminile fall-winter 2022/23. Dal 22 al 28 febbraio, ci prepariamo ad assistere a oltre 67 sfilate, di cui 57 dal vivo. E non solo. Ci saranno anche tanti eventi fashion da non perdere.

Naturalmente, non possono mancare le grandi maison della moda che ci fanno sognare da sempre, in accompagnamento con esordienti che non vediamo l’ora di esplorare.

Milano Fashion Week Women’s Collection: i brand esordienti

Accanto alle grandi maison della moda italiana e internazionale, non possono mancare le nuove proposte. Quest’anno saranno ben dieci, e per la prima volta esibiranno le loro suggestioni autunno-inverno sulle passerelle della capitale della moda made in Italy.

Ecco i nomi: AC9, Ambush, Aniye Records, Cormio, Ferrari, Hans Kjøbenhavn, Onitsuka Tiger, Palm Angels e Tokyo James e Andreadamo.

Milano Fashion Week 2022/23: i brand imperdibili

Nel calendario della Fashion Week milanese non possono mancare i grandi brand che hanno fatto la storia della passerella. Oltre al grande ritorno di Bottega Veneta, Diesel, Gucci, Trussardi e Plein Sport, che erano assenti ormai da qualche stagione, quest’anno assisteremo alle sfilate in presenza di Giorgio Armani. Lo stilista è di ritorno dopo gli annullamenti della settimana dell’haute couture francese.

Protagonisti indiscussi della MFW, i brand grandiosi di sempre: non mancheranno Alberta Ferretti, Prada, N.21, Dolce&Gabbana, Max Mara, Etro, Missoni, Fendi, Moschino, Versace, Tod’s, Blumarine. Per le case italiane degli artisti emergenti che ci piacciono, non possiamo non menzionare Calcaterra, Fabio Quaranta, Francesca Liberatore e Marco Rambaldi.

Al momento in lista non troviamo Salvatore Ferragamo, che potrebbe saltare l’appuntamento milanese.

Le presentazioni da non perdere

Nel calendario delle presentazioni possiamo ammirare il ritorno di La Doublej e spazi dedicati ai brand presenti per la prima volta nel calendario delle sfilate. Qui troviamo Max&Co Collaboration with Efisio Rocco Marras, Weekend Max Mara “Habito” by Patricia Urquiola. Poi ancora Francesco Murano (Who is on next, vincitore 2020 nella categoria womenswear), Luciano Padovan; MISS SOHEE Supported by Dolce&Gabbana, Balestra, Durazzi (digitale), Cukovy, Andrea Incontri, Ramzen, Bloke, SA SU PHI, Edoardo Gallorin, Tu Lizè e Vaishali S.

Milano Fashion Week 2022/23: gli eventi da segnare in calendario

Tra gli eventi della settimana milanese dell’alta moda, troviamo eventi come BEYOND THE NORM. White Milano & System Preferences present a hybrid of fashion, lifestyle, exhibition and art performances – dal vivo presso il Museo MUDEC dal 24 al 27 febbraio.

Da non perdere l’evento organizzato da Bulgari e Vogue Italia presso l’Università Bocconi: BVLGARI B.ZERO1 AVRORA AWARDS – Celebrating women and their talent, il 27 febbraio.

Sempre il 27 febbraio, presso la Triennale di Milano, verrà proiettato il documentario Elio Fioucci – Free Spirit. La proiezione è parte del programma ufficiale dell’ottava edizione del Fashion Film Festival di Milano.

Fashion Hub: i progetti della stagione fall-winter 2022/23

Da segnalare i progetti che saranno ospitati presso il Fashion Hub di Camera Nazionale della Moda Italiana, i quali vengono selezionati per valorizzare progetti all’insegna di sostenibilità e inclusione.

Pensiamo per esempio al progetto Designers for Ethical Fashion, una room dedicata al tema della moda etica e sociale, con focus principale su alcune categorie svantaggiate come le donne vittime di violenza o migranti. Ara Lumiere sarà puntualmente presente, e per la prima volta presenterà una collezione ready-to-wear prodotta da donne vittime di attacchi con acido, i cui proventi andranno nella totalità a coprire le cure mediche a cui si sono sottoposte. Presente anche il brand Cartiera, il quale forma e assume persone svantaggiate, come rifugiati e richiedenti asilo, con l’obiettivo di superare il pregiudizio che queste persone siano destinate solo a mansioni senza qualifiche.

Sempre al Fashion Hub troveremo anche la 5° edizione del progetto Designer for the Planet, dove la Camera Nazionale della Moda Italiana (CNMI) presenta 5 brand con un business model basato su stringenti criteri di sostenibilità: BENNU, Acidalatte, DassùYAmoroso, Vernisse, Raree Show.

Da non perdere neanche l’evento del progetto Fashion Bridges, realizzato in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia in Pretoria, Sudafrica, e Polimoda, con il coinvolgimento della Fashion Week di Johannesburg. Quattro talenti sudafricani: Fikile Zamagcino Sokhulu, Michael Peter Reid, Sipho Mbuto e Jacques Bam collaboreranno con designer italiani per far conoscere i loro brand ai buyer di tutto il mondo.

Riproduzione riservata