Consigli di stile

Calze in vista: ecco come replicare il trend per l’inverno 2022

Calze
10-11-2021
Nadine Solano
Sembravano una moda passeggera, invece hanno conquistato un posto fra i must have. Molto più che un dettaglio, regalano una nota glam al tuo outfit nel segno della massima personalizzazione. Ma devono essere quelle giuste!

Era il 2015 quando sulle passerelle sono apparsi i calzini in vista, indossati insieme alle più glamour delle scarpe con tacco. Sembrava una moda passeggera, una trovata d’effetto ma senza futuro, invece no: eccoli ancora qua, candidati all’inserimento nella lista dei must have. Seducenti con o senza... tacco. Il loro successo è merito anche delle celebs che non ne fanno più a meno, ma in realtà la consacrazione è arrivata dallo street style. Dalle influencer, dalla Gen Z e dai Millennials, che hanno trovato proprio nelle calze corte un modo per personalizzare il proprio stile e aggiungere un quid al look metropolitano. Un quid giocato sul colore, sulla fantasia, sui contrasti; anche sull’eterno fascino del vintage o su un mood grintoso. Le possibilità sono infinite, proprio come i calzini stessi. E se ancora non hai fatto il “salto”, perché ti sembra un’audacia fuori dalla tua portata, scommettiamo che fra qualche minuto avrai cambiato definitivamente idea?  A volte basta chiarirsi le idee!

Quali calzini scegliere

In calzini in vista possono sembrare un dettaglio, ma sono invece una carta vincente nel gioco dei look easy chic e anche anticonformisti al punto giusto. Però attenzione: non per tutti il semaforo è verde.  Partiamo dalla lunghezza, facendo una doverosa premessa. Le calze in vista tendono ad accorciare un po’ le gambe, vale per ogni tipologia ma soprattutto per i modelli al ginocchio. Questi ultimi, perciò, se non si hanno gambe davvero perfette andrebbero evitati. L’abbinamento con gli stivali – anche da pioggia - fa eccezione, certo, ma bada che l’elastico non sia troppo stretto. Che, cioè, restino un po’ morbidi: ben venga qualche piega! Stivali a parte, i calzini da mostrare sono quelli alla caviglia. Anche poco sopra, a patto che non “taglino” nettamente il polpaccio. Per quanto riguarda i tessuti, via libera al cotone, alla lycra, alla microfibra, al tulle, alla viscosa, anche al lamè e ai calzini a rete. E quelli di spugna? Ebbene sì, vanno bene anche loro. La marcia è stata nettamente invertita. Se sei freddolosa ti vengono in aiuto i calzettoni in lana e cashmere, purché non siano troppo spessi. Altrimenti aggiungono volumi controproducenti.   

Calze

Step fondamentale: le scarpe

Un’altra cosa bella della socks mania? Possiamo usare i nostri amati sandali anche nelle altre stagioni, non solo in estate. Per quelli col plateau suggeriamo calzini dalle tonalità soft o strategici richiami cromatici, con quelli gioiello punta sui calzini velati. Con i modelli minimal puoi osare col colore senza timore di sbagliare, lo stesso dicasi per le decollété e le Mary Jane. Altezza tacchi? Preferibilmente dai 6 cm in su. Se non sei molto alta, meglio quelli sottili. Tornando per un attimo ai sandali, occhio alla combo calzini+mules perché l’effetto ciabatta è in agguato. Ma andiamo avanti. Abbinati ai mocassini, i calzini a vista conquistano a man bassa un bel 10 e lode: vale per tutti, anche per i modelli con tacco o platform. Idem per le parigine e, ovvio, per le sneackers. Stai pensando agli anfibi e agli stivali chunky? Beh, in questo caso restino nel cassetto i calzini leggeri e delicati, perché rischiano di... sparire. O stonare. La scena spetta ai calzettoni, alle calze in cotone termico oppure in spugna. Insomma, devono essere a loro volta strong!

Calze

Gli abbinamenti cromatici

Qua la faccenda è seria. E ci sono alcune raccomandazioni da tenere bene a mente. Number one: i calzini devono essere abbinati ad almeno uno dei capi che compongono il tuo outfit; la maglia, la gonna, il capospalla, decidi tu. Non scegliere però calze dai colori troppo contrastanti rispetto alle scarpe, è un errore non giustificabile per una vera fashion addicted! Abbinamenti alternativi? Puoi creare un continuum con gli accessori. La borsa, i guanti, il cappello. Tieni anche presente che il monocromo calze/scarpe slancia la figura (e quindi le gambe). L’accoppiata nero+nero è invece un passepartout, in questo caso non sono necessari richiami col resto della mise. Anche il mitico calzino bianco ti libera da particolari vincoli, ma la libertà non è totale: con un paio di sandali oro, per esempio, è tutt’altro che glam. Lo specchio sarà tuo alleato nel prendere la decisione finale.

Calze

Calze corte con gonne e vestiti

Con la gonna corta a pieghe, i mocassini o le Mary Jane, i calzini a vista completano un look da collegiale sbarazzino e al contempo raffinato. Con una longuette, donano un tocco bon ton che non passa di certo inosservato. Oppure, al contrario, possono diventare una strategica impronta rock: pensiamo per esempio a un paio di calze con stampa animalier o con piccole borchie. Con una gonna lunga plissettata, oppure a ruota (sì, sono tornate, più fashion che mai), la calza corta è un’intrigante nota di stile retrò. Così come, di contro, ha il potere di sdrammatizzare un long dress con sandali e vivacizzare un abito in maglia. Di giorno, il sodalizio con lo chamisier funziona alla grande e lo stesso vale per i vestiti con stampe floreali, d’ispirazione gitana, ma ti consigliamo di preferire calzini a tinta unita per non creare troppo caos visivo. Quali opzioni, invece, potrebbero non convincere con le calze corte in vista? Gli abiti multicolor, con stampe psichedeliche, che hanno fatto il loro ritorno fra i fashion trend. Anche gli abbinamenti con le paillettes, ammettiamolo, lasciano un po’ perplessi. E le vestibilità second skin.

Calze

Focus sui pantaloni

Se i pantaloni sono scuri, le calze devono essere della stessa tonalità; è concessa una gradazione differente. Se i pantaloni sono chiari, si può invece optare per calze a contrasto, evitando però gli eccessi. Probabilmente hai già sentito queste regole. C’è però da specificare che sono riconducibili a uno stile classy e per certi versi superate. La verità è che, quando si tratta di pantaloni e calzini a vista, ormai prevale un’appagante anarchia. Ergo, puoi affidarti semplicemente al tuo gusto. Ma tenendo presente il discorso sugli abbinamenti fatto in precedenza. I jeans cropped e più in generale i pantaloni alla caviglia – a sigaretta, culotte, dritti - sono l’ideale, la deduzione è immediata. Però c’è da intercettare un trend emergente che difficilmente lascerà indifferenti le it-girl: i calzettoni sopra i pantaloni, per un "mood scaldamuscoli" che ci riporta ai mitici anni Ottanta. Non soltanto leggings e pantaloni della tuta; anche i jeans skinny o i mom jeans, messi così, danno grandi soddisfazioni.

Calze

E dopo i calzini, passiamo ai collant: ecco come abbinare quelli colorati!

Riproduzione riservata