Fashion culture

Giornata mondiale del bikini: i 10 modelli che hanno fatto la storia

Bikini
05-07-2022
Nadine Solano
Il primo, lanciato nel 1946, fece scandalo. Ma anche grazie alle dive dell'epoca, il due pezzi ha contribuito all'emancipazione femminile e svelato tutto il suo fascino. Farne a meno? Impossibile!

5 luglio, giornata mondiale del bikini. Già, il famoso "due pezzi". Per noi fa rima con estate, mare, spiaggia. Il bello della normalità. Ma le cose non sono state sempre così. Il bikini ha rappresentato una tappa fondamentale del lungo cammino verso l’emancipazione femminile; un cammino di cui spesso la moda è stata fondamentale input e simbolo.

Il primo modello fu lanciato dal sarto francese Louis Réard a Parigi, anno 1946. Gli americani stavano per cominciare i test nucleari sull’atollo di Bikini, nelle isole Marshall, e lui si ispirò a quell’evento per il nome della sua creazione. Perché lo sapeva: la reazione dell’opinione pubblica sarebbe stata a dir poco “esplosiva”! In realtà lo fu anche quella delle modelle; nessuna osò indossarlo, per paura di ritrovarsi protagonista di uno scandalo.

Alla fine Réard trovò una perfetta complice nell’allora giovanissima Micheline Bernardini, spogliarellista del Casino de Paris. Però sì, in effetti il bikini sollevò un’incredibile ondata di polemiche. Quell’ombelico scoperto venne interpretato come una provocazione fuori luogo, un eccesso, quasi un’offesa. Non da tutti, però. Perché molti invece apprezzarono. Molte donne ne rimasero conquistate, non soltanto per una questione estetica. Il due pezzi era una liberazione sia concreta che metaforica. Ed è per questo che molte dive dell'epoca presero presto a considerarlo un must, contribuendo a quello che poi fu un grande successo. E poi ancora, qualcosa di irrinunciabile.

Allora, per celebrare la giornata mondiale del bikini, vogliamo dedicare un amarcord a 10 modelli cult che hanno fatto la storia del beachwear, della moda. E, prima ancora, dell'empowerment femminile.

Il primo bikini

Creato da Louis Réard e indossato da Micheline Bernardini nel 1946, appunto. Tutt’altro che casto: ultra sgambato, con laccetti a caratterizzare entrambi i pezzi. Non solo. Quella stampa che riproduceva fogli di giornali fu un’intuizione nell’intuizione; Réard era certo che quel costume da bagno avrebbe fatto discutere e versare fiumi d’inchiostro.

Bikini
Credits: Getty Images

Il bikini con culotte amato da Marilyn

Marilyn Monroe fu tra le prime dive a innamorarsi perdutamente del bikini. Già in quello stesso 1946, ne sfoggiò diversi. I suoi preferiti erano i modelli con culotte: a righe, a pois, monocolore, dalle tonalità pastello o più intense. Quella gioia, quella nonchalance con cui li indossava contribuirono notevolmente allo sdoganamento.

Bikini
Credits: Getty Images

Il bikini strapless di Brigitte Bardot

Marilyn Monroe, ma anche Brigitte Bardot: sono loro le star che più di altre hanno fatto del bikini un must indiscusso. E se Marilyn prediligeva quella a vita alta, comunque non troppo audaci, Brigitte puntava sui modelli che all’epoca risultavano decisamente succinti. Pancia totalmente in mostra e fascia. Sì, i suoi bikini strapless indignarono i benpensanti, ma al tempo stesso - catalizzando l’attenzione - fecero innamorare un'intera generazione.  

Bikini
Credits: Getty Images

La tendenza lanciata da Stella Stevens

Nel 1960 l’attrice statunitense Stella Stevens sfoggiò un bikini rainbow e un maxi cappello in paglia che ne richiamava i colori. Voilà: ecco lanciata una nuova tendenza, ovvero il primo set coord costume+cappello. Le donne di tutto il mondo occidentale persero… la testa.

Bikini
Credits: Getty Images

Il due pezzi della Bond Girl

Impossibile dimenticare il bikini indossato da Ursula Andress, prima Bond Girl. Correva l’anno 1962, il film era Agente 007 – Licenza di uccidere, James Bond aveva il volto di Sean Connery. E quella scena in cui la Andress esce dal mare, con un due pezzi dotato di bretelle, resta bene impressa nella memoria collettiva. Nonostante il passare del tempo. All’epoca, naturalmente, quel modello andò poi a ruba.

Bikini
Credits: Getty Images

Il completo “selvaggio” di Raquel Welch

Quando si tratta di bikini iconici, è doveroso citare anche quello indossato da Raquel Welch nel film Un milione di anni fa, anno 1966. In pelle e pelliccia, selvaggio, volutamente primitivo. Ipnotico, reso tale anche dal corpo perfetto dell’attrice americana, che allora aveva 26 anni.  

Bikini
Credits: Getty Images

Il bikini d’oro di Star Wars

Nel 1983 arrivò al cinema il terzo episodio di Star Wars, ovvero Il ritorno dello jedi. Le principessa Leia Organa, interpretata da Carrie Fisher, viene catturata da Jabba the Hutt e costretta a indossare un bikini d'oro. Che, manco a dirlo, mandò in visibilio tutti i fan della saga e dell’attrice stessa. Eppure, per Carrie non fu affatto un piacere. Perché il bikini era rigido, in plastica, decisamente scomodo. “Terribile”, lo definì lei.

Bikini
Credits: Getty Images

Il bikini floreale di Lady D

Anche la principessa Diana portava il bikini. Da buona conoscitrice della propria body shape prediligeva i modelli a fascia oppure con scollo all’americana, dai colori molto accesi. Questa foto – che naturalmente ha fatto il giro del globo - è stata scattata nel 1988 alle Baleari. Lady D indossava un due pezzi floreale che, bisogna dirlo, le donava parecchio.

Bikini
Credits: Getty Images

Il micro bikini di Chanel

Iconico è anche il micro bikini disegnato da Karl Lagerfeld per Chanel, collezione P/E 1996. Sotto, un minuscolo slip con laccetti; sopra, ancora laccetti e – sostanzialmente – due copricapezzoli. Con la doppia C in bella vista, naturalmente. Decisamente un precursore dei modernissimi trend in fatto di beachwear!
Stella Tennant raggiunse lo status di top grazie a quel costume (anche se non mancò chi l’accusò di essere troppo magra, ma questa è un’altra storia), tra le altre supermodelle che lo indossarono citiamo Carla Bruni ed Eva Herzigova. E poi diverse celebs, tra cui Mirand Kerr e Kim Kardashian.

Bikini
Credits: Getty Images

Total white per Cameron Diaz

Il bikini è apparso spesso sul grande schermo, possiamo parlare di accoppiata vincente. Così, se nel 2002 Halle Berry ha reso omaggio a Ursula Andress indossando un due pezzi arancio ed emergendo dalle acque nel film La morte può attendere (è stata un’altra tra le Bond Girl più apprezzate), l’anno dopo è arrivato il turno di Cameron Diaz. Interprete di Charlie's Angels - Più che mai insieme a Drew Barrymore e Lucy Liu, ha indossato un bikini bianco e ultra sensuale che non si dimenticherà tanto facilmente.

Bikini
Credits: Getty Images
Riproduzione riservata