Fashion culture

10 capi d’abbigliamento che hanno cambiato il nostro modo di vestire

Modella a New York
14-02-2022
Laura Sandroni
Jeans, T-shirt, sneakers e l'outfit è fatto! Ma da dove arrivano e quali sono quei capi d'abbigliamento che oggi tute portiamo e che hanno cambiato e rivoluzionato il nostro modo di vestire?

Che ci siano dei capi d'abbigliamento che, per ognuna di noi, sono unici e irrinunciabili, è una cosa piuttosto certa. E che si tratti di un paio di pantaloni, una gonna, quella giacca bellissima che ci ha donato nostra nonna ma che sembra uscita direttamente dalle ultime sfilate, poco importa. Tutte/i abbiamo il nostro insostituibile abito del cuore. Ma ci siamo mai chieste da dove arrivi? Quale sia la storia di questi capi che oggi ci sembrano ovvi da portare nelle più svariate occasioni, formali e non?

Perché diciamocelo chiaramente, quello che oggi vive nei nostri armadi non è sempre esistito e ci sono capi d'abbigliamento che per trovare uno spazio tra le pile dei nostri vestiti hanno dovuto sgomitare e imporsi anche grazie a chi li ha creati e sdoganati per primo, rivoluzionando il nostro modo di vestire. Ecco allora quali sono gli abiti che, in un modo o nell’altro, hanno modificato il nostro abbigliamento, permettendoci di esprimere la nostra personalità e portandoci a quella “normalità” che oggi sfoggiamo quotidianamente e a cui non sapremmo mai rinunciare.

Capi d'abbigliamento super cool: i jeans

Alzi la mano chi di voi non ha almeno una paio di jeans. Molto probabilmente nessuno. E questo perché tra i capi di abbigliamento più utilizzati in assoluto, i jeans sono di sicuro sui primi gradini del podio. Nati come indumenti da lavoro alla fine dell’800, e di conseguenza decisamente poco cool, nel giro di pochi anni sono diventati dei veri protagonisti della moda.

Da sfoggiare in mille versioni e modelli diversi, in situazioni casual o anche da abbinare a tacchi a spillo e blazer per un outfit più elegante. Ma sempre rigorosamente a suon di denim, comfort e di quel fascino che, nonostante gli anni, continuano ad avere.

La minigonna simbolo di libertà

Sulla stessa lunghezza d’onda, un altro dei capi d'abbigliamento che hanno completamente rivoluzionato il nostro modo di vestire è lei, la regina indiscussa delle gonne, ovvero la minigonna. Un capo nato nel 1945 per mano della stilista Mary Quant che la rese l’indumento più amato dalle londinesi e che nel giro di qualche anno divenne simbolo della battaglia femminista. Mostrando la voglia di libertà, autonomia e indipendenza delle donne.

E se si pensa che in passato non era nemmeno pensabile che una donna mostrasse le caviglie è chiaro come questo indumento abbia reso molto più comodo e libero il modo di vestire (e non solo) delle giovani e meno giovani donne di oggi.

La T-shirt il più iconico tra capi d'abbigliamento

Si avete capito bene. Tra i capi di abbigliamento oggi assolutamente insostituibili e di cui ognuno di noi ne ha svariate versioni ci sono le classiche T-Shirt. Ma è sempre stato così? Ovviamente no. Come i jeans la T-Shirt è nata come indumento da lavoro ma nei primi anni ’50, anche grazie a testimonial del calibro di James Dean e Marlon Brando divenne un capo a cui oggi nessuno può più rinunciare.

E soprattutto che fa parte degli outfit di ogni giorno di uomini e donne. Senza limiti di età o di qualsiasi altro genere. Insomma, cosa faremmo se non avessimo le T-shirt? Vista la loro comodità e versatilità, forse le avremmo comunque inventate.

Gli hot pants, viva le gambe

Li portiamo fin da bambine, ma è da “grandi “che impariamo a valorizzarli e valorizzarci. Di cosa parliamo? Di uno dei capi d'abbigliamento che da quando sono apparsi addosso alle donne della metà del secolo scorso non hanno mai smesso di far discutere. E lo fanno tutt’ora. Gli hot pants ovvero o pantaloncini corti. In tutte le loro versioni, colori, stoffe, ecc. Un indumento unico.

Che tutte prima o dopo abbiamo o continuiamo a portare. Sia come capo sportivo che come indumento da sfoggiare durante il giorno con un bel paio di sneakers, sandali, anfibi, ecc. Insomma, in qualsiasi modo li vogliate portare, gli hot pants hanno davvero modificato il nostro modo di vestire e detto tra noi, ci piace davvero moltissimo.

Il reggiseno, da intimo a capo d'abbigliamento

Se si pensa a come lo si utilizza oggi, anche come sostituto di eventuali canotte o T-shirt da usare direttamente sotto a un blazer, è chiaro quanto il reggiseno sia uno di quei capi di abbigliamento che hanno davvero rivoluzionato il nostro modo di vestire.

Un indumento la cui storia inizia intorno al 1922 per opera della cucitrice Enid Frocks che notò quanto il reggiseno di allora non fosse adatto a sostenere ogni tipologia di seno, modificandolo in modo da soddisfare un pubblico molto più ampio e aprendo le porte ai reggiseni moderni e, inconsapevolmente, al modo che oggi abbiamo di usarlo. Più o meno “tradizionale”.

Il bikini da spiaggia e non solo

Vi immaginereste mai al mare senza bikini? Anche se il costume intero è tornato prepotentemente alla moda, nonostante ci siano tantissimi altri modelli di costumi da bagno da provare e sfoggiare, il bikini rimane sempre uno dei più utilizzati, in ogni loro versione. Uno dei capi d'abbigliamento da spiaggia più gettonato e che, esattamente come ogni altro abito, è in grado di valorizzarci e farci sentire bellissime, sia in riva al mare che durante le tipiche giornate estive.

Ma sapevate che fino agli anni ’40 non esisteva per la donna la possibilità di scoprirsi o coprirsi con un semplicissimo due pezzi? Bene, se le nostre giovani nonne e mamme non avesse portato avanti il diritto di potersi mettere il bikini oggi noi non avremmo la possibilità di sfoggiarlo tanto facilmente, e non solo in spiaggia, ma anche come capo di abbigliamento da abbinare e un bel paio di jeans.

I pantaloni femminili

Eleganti, morbidi, adatti a ogni occasioni (basta abbinarci la scarpa giusta) e una validissima alternativa ai soliti jeans. I pantaloni da donna, dai tagli più o meno classici, sono uno dei capi di abbigliamento di uso comune. Soprattutto in ambiti più formali o che richiedono un outfit meno casual. 

Un capo di che di fatto più o meno tutte abbiamo nel nostro armadio ma che, se non fosse stato per la stilista Coco Chanel, non avremmo avuto la possibilità di portare e di amare. Un modo di vestire introdotto proprio dalla stilista intorno agli anni ’20-’30, liberando la donna dagli abiti costrittivi della Belle Époque e portandola ad essere ciò che è oggi.

Il power suit da donna e il blazer

Stesso discorso vale per il classico completo giacca e pantaloni da donna. E per estensione del blazer. Uno dei capi di abbigliamento più versatili e utilizzati da noi donne, da abbinare indistintamente a jeans, gonne lunghe o corte, pantaloni, tacchi o sneakers.

Insomma un mai più senza e un capo da avere sempre nell’armadio. Un abito creato nel 1932 da Marcel Rochas, ispirandosi a quello maschile e che ieri come oggi (anche se non lo si sa) simboleggia la parità dei sessi. Come lo si porta? Come si vuole! Certo con i tacchi ha tutto il suo perché, ma chi di noi non l’ha mai provato con un bel paio di sneakers?

Le sneakers, tra i capi d'abbigliamento amati da tutti e a ogni età

E infatti eccole, di ogni colore, materiale o tessuto, le sneaker sono tra i capi di abbigliamento più usati in assoluto. Le prime scarpe che si hanno da bambini e che ci accompagnano in ogni fase della vita. Una scarpa che inizialmente veniva usata solo in ambito sportivo ma che una volta compresa la sua enorme versatilità venne sdoganata al grande pubblico.

Il primo modello su mercato? Neanche a dirlo furono le All Star, un capo che oggi sfoggiamo con naturalezza e con un occhio attento alla moda, optando per colori e fantasie sempre diverse fino ad arrivare a poterle personalizzare. Insomma, una scarpa che ci ha fatto fare passi avanti anche in termini si creatività.

Gli anfibi, uno dei capi d'abbigliamento più cool

E che dire poi di un'altra scarpa oggi di uso comune, in grado di dare un tocco di unicità a ogni look e assolutamente unisex, tanto da essere utilizzata comunemente anche come calzatura sotto a maxi o mini gonne. Ma anche da abbinare a dei leggings o a qualsiasi altro capo di abbigliamento che si voglia indossare.

Parliamo degli anfibi, oggi ai piedi di chiunque (e sempre presenti nelle sfilate e sulla passerelle di moda) ma che di fatto nacquero come calzature per minatori e per l’esercito britannico. Subendo nel tempo un’evoluzione che li ha portati a essere tra le calzature più usate e versatili del nostro tempo, amate a ogni età e da sfoggiare in tantissimi colori diversi (anche il se il classico nero rimane sempre il più gettonato).

Che dire, che si tratti di gonne, pantaloni o scarpe poco importa. Ci sono capi di abbigliamento, quelli che oggi amiamo di più e di cui non potremmo fare a meno, che hanno davvero rivoluzionato il nostro modo di vestire e di concepire la moda. Abiti pieni di storia, di lotte e di rivendicazioni di libertà, la stessa per cui ancora oggi ci si batte e di cui la moda stessa ne è una delle massime rappresentanti.

Riproduzione riservata