Fashion culture

Che cosa fa davvero un fashion designer?

una ragazza alle prese con i vestiti
Nel mare magnum della moda esistono talmente tanti promotori di stile e di tendenza che sembra quasi impossibile distinguerne le varie figure singole. Oltre al ruolo portante dello stilista, infatti, ci sono tantissimi altri professionisti che fondono le loro capacità per dar vita al "Fashion System". Tra tutte queste figure, però, chi è e che cosa fa di preciso il fashion designer?

Il mondo della moda, insieme a tutti i processi creativi, organizzativi ed economici che ci sono dietro, è uno dei più strutturati e complessi universi che esistano nell’economia della maggior parte dei paesi del mondo. Com’è che si dice: “L’amor che move il sole e l’altre stelle”? Bene, con la moda prende più o meno forma questo concetto.

SI tratta di un mondo talmente vasto e variegato che non può non essere affascinante. Tra le varie figure del background artistico e creativo della moda c’è quella del fashion designer, un ruolo fondamentale ma spesso silente, a tal punto che non sempre ne si conoscono le responsabilità e l’ingegno.

Chi è il fashion designer?

Alle fondamenta dell’estro creativo dell’industria della moda c’è questa figura latente che, con discrezione, contribuisce al buon buon funzionamento di ogni singola regola di stile, che essa sia da sola o in un insieme più grande. Quella del fashion designer è una figura artistica che può offrire il suo contributo sia nell’haute couture che nella moda di tutti i giorni prêt-à-porter.

Nel corso della loro formazione i fashion designer possono decidere di intraprendere dei percorsi divisi per filiera produttiva e specializzarsi in aree specifiche: abbigliamento, scarpe, accessori, etc. Inoltre, possono anche stabilire le sottocategorie di appartenenza di ogni singola area: donna, uomo, bambini, sport, e così via. Una volta formato, il fashion designer assume il ruolo del regista, della mente che analizza, elabora e supervisiona la creazione di un modello dall’inizio fino alla fine.

LEGGI ANCHE – Fashion stylist: chi è, che cosa fa e come lo si diventa

Il labile confine tra stilista e fashion designer

Stiamo parlando di accostare stili, colori e tessuti. Stiamo parlando di progettare modelli e dargli vita. Ma allora qual è la reale differenza tra lo stilista e il fashion designer? Diciamo che se dovessimo attribuire un appellativo distintivo a ciascuno dei due, il primo sarebbe “creatore” e il secondo “progettista”. Per intenderci, la differenza sostanziale tra l’uno e l’altro, è che lo stilista dà vita a creazioni tutte nuove senza partire da alcuna base mentre il designer crea qualcosa di nuovo da cose già create.

In poche parole, lo stilista non fa che creare stili le cui basi sono prodotte proprio dal designer. Così facendo il secondo può sempre diventare uno stilista ma di rado accade il contrario. Conoscenze tecniche, abilità nel disegno e lungimirante creatività, sono inevitabilmente i tratti distintivi di un designer.
Inoltre, lo stilista è una figura molto più ampia che può abbracciare anche altri campi che non riguardano la moda. Lo stilista può dedicarsi, infatti, anche all’universo dell’arredamento, specializzandosi in tutte quelle che sono le regole visive e creative dell’home design.

Ingegno e creatività in una sola figura

Perfetta fusione tra mente e personalità artistica. Il fashion designer è questo è tanto altro. Avete presente quando agli spettacoli delle marionette c’è la figura che muove i fili? È esattamente questo il ruolo del fashion designer nel gigantesco e affascinante sistema della moda. Nulla da togliere agli stilisti e a tutte le altre figure altrettanto importanti come le fashion stylist o le fashion insider, ma il designer è un po’ come l’uomo senza la cui gestione le marionette non prenderebbero vita.

Questa è una figura dove passione, senso artistico, buon gusto, talento e analisi incessante trovano la loro massima espressione. Per diventare fashion designer, infatti, non c’è bisogno solo di una solida formazione ma ci vuole anche una certa predisposizione al senso estetico. Bisogna essere in grado non solo di dar vita agli accostamenti perfetti ma di anticiparli, di immaginarne l’essenza ancor prima di darle forma. Il fashion designer è una fonte continua di nuove idee che accompagna lo stilista in ogni sua creazione. Grazie alla continua analisi dei trend più in voga, questa figura deve essere sempre aggiornata sulle ultime tendenze, deve analizzarle e ricavarne nuovo materiale su cui lavorare. Insomma, se non è una mente artistica questa, allora chi lo è?

Riproduzione riservata